You are here
#DefendAfrin – Occupazione del consolato turco a Venezia Kurdistan 

#DefendAfrin – Occupazione del consolato turco a Venezia






Nella mattinata di mercoledì 14 marzo attiviste e attivisti dei Centri Sociali del NordEst e dell’associazione Yabastaedibese, hanno occupato simbolicamente il consolato onorario turco presso gli uffici della Bassani Viaggi, azienda con interessi economici proprio in Turchia. L’occupazione, è durata un’ora ed è terminata con l’invio all’Ambasciata Turca a Roma di un fax con la spiegazione della protesta. Di seguito il comunicato dell’iniziativa e le foto, per le quali ringraziamo “SherwoodFoto”. Il regime islamista del dittatore turco Erdogan ormai da due mesi ha iniziato l’aggressione contro  Afrin, uno dei cantoni del…

Read More
Time War, in Siria Euromediterraneo 

Time War, in Siria






(di Marco Sandi)  Continua il massacro dei civili mentre le milizie islamiche, Assad e le potenze mondiali giocano a risiko. Ogni giorno, sempre di più, l’attenzione mondiale è catturata dai devastanti bombardamenti su Aleppo, a dirla tutta però è in corso un’altra offensiva, molto più nell’ombra, che potrebbe determinare ulteriori risvolti, e gravi conseguenze, nel conflitto siriano. Le Forze Armate turche (TSK) stanno spingendo i propri carri armati e le truppe di terra, mille delle quali appartenenti ai corpi speciali dell’esercito, verso l’interno della Siria, insieme ad alcune componenti delle…

Read More
Raid aerei e bombe su Gaza: la Palestina resiste, noi con lei Euromediterraneo 

Raid aerei e bombe su Gaza: la Palestina resiste, noi con lei






di Jacopo Bernaus   «Prendi dei gattini, dei teneri micetti e mettili dentro una scatola, mi dice Jamal, chirurgo dell’ospedale Al Shifa, il principale di Gaza, mentre un infermiere pone per terra dinanzi a noi proprio un paio di scatoloni di cartone, coperti di chiazze di sangue. Sigilla la scatola, quindi con tutto il tuo peso e la tua forza saltaci sopra sino a quando senti scricchiolare gli ossicini, e l’ultimo miagolio soffocato.» Queste sono le parole del dottor Jamal rivolte a Vittorio Arrigoni nel periodo tra il dicembre del 2008 e il gennaio del…

Read More