A due anni dalla notte di Iguala, proiezione mondiale di Mirar Morir nel Nordest Messico 

A due anni dalla notte di Iguala, proiezione mondiale di Mirar Morir nel Nordest






Due anni, ventiquattro mesi, 730 giorni dalla tragica notte di Iguala dove sono stati fatti sparire i 43 studenti della Escuela Normal Rural Raúl Isidro Burgos di Ayotzinapa. Due anni, ventiquattro mesi, 730 giorni di menzogne ufficiali per occultare la verità. Due anni, ventiquattro mesi, 730 giorni in cui i genitori non hanno mai smesso di chiedere verità e giustizia. Il 26 settembre l’Associazione Ya basta! Êdî bese! aderisce alla proiezione mondiale di “Mirar morir, el ejército en la noche de Iguala”, il documentario di Temoris Grecko in cui si…

Read More
Alea iacta est, fine ciclo e restaurazione neoliberista in America Latina Latinoamerica 

Alea iacta est, fine ciclo e restaurazione neoliberista in America Latina






di Christian Peverieri Il dado è tratto, il Rubicone è varcato: il capitalismo estrattivo ha assestato il colpo del knock-out al progressismo latinoamericano con la definitiva destituzione di Dilma Rousseff da Presidente del Brasile. E’ stato un gioco di prestigio non da poco, le regole democratiche sono state messe a dura prova dagli eventi degli ultimi giorni e, anche se c’è chi grida al golpe (blando, suave, ma anche no), il corrotto Michel Temer è diventato Presidente a tutti gli effetti e la restaurazione neoliberista è avviata. Il ciclo progressista…

Read More
Lo Stato e il modello estrattivista sono i responsabili dell’uccisione di Berta Latinoamerica 

Lo Stato e il modello estrattivista sono i responsabili dell’uccisione di Berta






Intervista a Tomás Gómez, coordinatore  provvisorio del Copinh – La Esperanza/Intibucá, 12 settembre (Rel-UITA | LINyM) -. Lo scorso 2 settembre, in diverse città nel mondo, sono risuonate nuovamente voci di protesta contro il silenzio complice delle autorità honduregne e il velo di impunità che, a distanza di sei mesi, copre il brutale assassinio della dirigente indigena Berta Cáceres Flores. A La Esperanza, Intibucá, centinaia di indigeni Lenca convocati dal Copinh (Consiglio civico delle organizzazioni popolari e indigene dell’Honduras ) si sono mobilitati insieme ai familiari della militante uccisa e…

Read More
Progetto ¡Que corra la voz! Messico 

Progetto ¡Que corra la voz!






Dalla foresta di Sherwood alla Selva Lacandona, diamo voce alla rebeldía zapatista. Nell’estate del 2015 siamo tornati nelle terre ribelli, libere e degne del Chiapas con l’obiettivo di legare ancora una volta la resistenza degli zapatisti al nostro movimento. Per la Junta de Buen Gobierno che amministra il Caracol Hacia la Esperanza de La Realidad, tra le necessità più urgenti c’è il potenziamento del segnale delle radio comunitarie, Radio Despertar, Radio Móvil e Radio San Pedro, il cui raggio d’azione non arriva a coprire le comunità più lontane. L’Associazione Ya…

Read More
Facundo Jones Huala finalmente libero! Wallmapu 

Facundo Jones Huala finalmente libero!






Esquel. Regione del Chubut – Patagonia Argentina. Dopo due giorni di udienze, durante le quali gli avvocati della difesa hanno ribadito il carattere politico delle condanne inflitte al leader mapuche, Facundo Jones Huala, il giudice federale ha respinto la richiesta di estradizione avanzata dallo stato del Cile lasciando al giudice ordinario la decisione per la sua completa liberazione o la restrizione domiciliaria.

Read More
Raid aerei e bombe su Gaza: la Palestina resiste, noi con lei Euromediterraneo 

Raid aerei e bombe su Gaza: la Palestina resiste, noi con lei






di Jacopo Bernaus   «Prendi dei gattini, dei teneri micetti e mettili dentro una scatola, mi dice Jamal, chirurgo dell’ospedale Al Shifa, il principale di Gaza, mentre un infermiere pone per terra dinanzi a noi proprio un paio di scatoloni di cartone, coperti di chiazze di sangue. Sigilla la scatola, quindi con tutto il tuo peso e la tua forza saltaci sopra sino a quando senti scricchiolare gli ossicini, e l’ultimo miagolio soffocato.» Queste sono le parole del dottor Jamal rivolte a Vittorio Arrigoni nel periodo tra il dicembre del 2008 e il gennaio del…

Read More
A Suruç proseguono i lavori del Progetto Rojava Playground Kurdistan 

A Suruç proseguono i lavori del Progetto Rojava Playground






Procedono i lavori per la costruzione di un’area ludico-sportiva in prossimità di diverse scuole: un’area verde, attrezzata con impianti per il gioco e per lo sport eco-compatibili, a disposizione di tutta la popolazione. Uno spazio in cui i giovani attualmente ospitati nei campi profughi possano giocare e fare sport con i propri coetanei, dove le donne rifugiate possano portare i propri figli, per socializzare e incontrarsi con gli abitanti della città e con i compaesani ospitati in altre zone della cittadina turca.Il parco sarà intitolato ad Aylan Kurdi, bimbo morto…

Read More