Messico, l’ombra delle elezioni sul caso Ayotzinapa Messico 

Messico, l’ombra delle elezioni sul caso Ayotzinapa






di Christian Peverieri Il Governo del Messico vuole chiudere il caso Ayotzinapa prima delle elezioni, nonostante non siano stati fatti ulteriori passi avanti nelle indagini ufficiali. È la denuncia dei rappresentanti del Comitato Padres y Madres de Ayotzinapa durante l’udienza di fronte alla Comisión Interamericana de Derechos Humanos (CIDH) avvenuta a Bogotá il 2 marzo. L’udienza è stata preceduta la sera prima da una riunione tra i genitori e i funzionari dello stato, che ha lasciato insoddisfatti i genitori. «Ci avevano assicurato che secondo il loro calendario avrebbero arrestato poliziotti…

Read More
#DefendAfrin – Urgente e ne chiediamo la massima diffusione Kurdistan 

#DefendAfrin – Urgente e ne chiediamo la massima diffusione






Riceviamo e condividiamo le parole di Davide Grasso. “Mi chiamo Davide Grasso. Il mio profilo Facebook è diventato più popolare da quando ho scelto di andare a combattere l’Isis in Siria nel 2016 nelle fila delle Ypg. In quei mesi ho utilizzato il mio profilo per informare la community di fb su quanto fosse drammatica la situazione in Siria, ed anche per sensibilizzare su quanto migliaia di ragazze e ragazzi arabi, curdi, cristiani, internazionali stessero facendo per combattere il califfato, che nel frattempo continuava a seminare morte sia nel mondo…

Read More
La battaglia per l’Umanità continua, ieri Kobane, oggi Afrin. Kurdistan 

La battaglia per l’Umanità continua, ieri Kobane, oggi Afrin.






Lunedì 19 febbraio ore 17.30 a Venezia, Aula Morelli, c/o Palazzo Malcanton Marcorà presentazione di Hevalen – Perchè sono andato a combattere l’Isis in Siria di e con Davide Grasso DIALOGO con Davide Grasso e Giuseppe Acconcia (giornalista esperto in Medio Oriente). Introduce Marco Sandi (Associazione Ya Basta Êdî Bese) Davide Grasso ripercorre le tappe della sua scelta di andare in Siria a partire dalla strage del Bataclan di Parigi e da quello che questo evento a significato per l’Europa. Partendo dal suo viaggio dalla Turchia alla Palestina, passando dalla Giordania all’Iraq, per finire in Siria Davide…

Read More
Fermare le bombe turche su Afrin e Rojava Kurdistan 

Fermare le bombe turche su Afrin e Rojava






Manifestazione nazionale del 17 febbraio a Roma Libertà per Öcalan e le/i prigionieri politici – Pace e Giustizia per il Kurdistan L’Associazione Ya Basta! Êdî Bese!  aderisce all’appello per la manifestazione di Roma del 17 febbraio 2018 per “fermare le bombe turche su Afrin, per la libertà per Öcalan e per tutte le prigioniere e i prigionieri politici” convocata e lanciata da Uiki Onlus. La deriva autoritaria in Turchia per mano di Erdogan è sempre più crescente ed allarmante. Oltre la dura repressione che attraversa il paese e l’attacco indiscriminato su Afrin, in…

Read More
#DefendAfrin: con la resistenza dei popoli di Afrin Kurdistan 

#DefendAfrin: con la resistenza dei popoli di Afrin






La Turchia, un paese Nato, continua a colpire in modo indiscriminato coloro che hanno sconfitto l’ISIS attaccandoli nella città di Afrin, simbolo di pace ed accoglienza. L’operazione Ramoscello d’ulivo, un riferimento infelice e davvero poco appropriato per la sua simbologia religiosa, è stata lanciata lo scorso 20 gennaio, dopo mesi di minacce e bombardamenti da oltre confine da parte turca. Le operazioni militari si sono estese con attacchi aerei e operazioni via terra portate avanti da migliaia di militanti dell’esercito libero siriano (FSA) armati e addestrati dalla Turchia. É bastato…

Read More
#RotteRibelli: l’ebook Messico 

#RotteRibelli: l’ebook






Diario di viaggio della carovana di Ya basta! Êdî bese! in Messico, organizzata in collaborazione con il Progetto Melting Pot e la campagna #overthefortress Nel novembre del 2017, l’associazione Ya basta! Êdî bese! ha organizzato un viaggio lungo le rotte della “rebeldia” messicana. Un viaggio che aveva lo scopo di parlare e, soprattutto, di far parlare coloro ai quali non viene mai data voce. E così, i carovanieri di Ya Basta hanno “camminato domandando” con gli attivisti che chiedono verità per i 43 studenti di Ayotzinapa, con i padri le madri dei…

Read More
Cosa c’è dietro la campagna antimapuche Wallmapu 

Cosa c’è dietro la campagna antimapuche






Il modello estrattivo: petrolio, estrazione mineraria, agricoltura, silvicoltura. Una multinazionale (Benetton) con influenza diretta sul potere politico e giudiziario. Politiche statali di espropriazione e sottomissione. Un genocidio che non ha mai avuto il suo “mai più”. Solo alcuni degli elementi alla base della campagna che richiede repressione per il Popolo Mapuche.

Read More