You are here
Questa terra è la nostra terra, difendiamola! Euromediterraneo 

Questa terra è la nostra terra, difendiamola!






L’associazione Ya basta! Êdî bese! sezione di Venezia aderisce alla giornata di mobilitazione cittadina “Spolveriamo la nostra città” promossa dall’Assemblea Permanente Contro il Rischio Chimico di Marghera e dal Comitato Marghera Libera e Pensante per il giorno sabato 4 marzo 2017. Nella nostra attività in Messico, in Patagonia, o in Kurdistan siamo a fianco delle popolazioni che difendono la propria terra, anche a costo della vita, da inquinamento, sfruttamento, devastazioni, speculazioni e spoliazioni perché crediamo che la costruzione di un mondo più giusto e più vivibile passi necessariamente per il…

Read More
La fattoria senza padroni Euromediterraneo 

La fattoria senza padroni






(di Riccardo Bottazzo – tratto da FrontiereNews) Nelle colline del Chianti, tra filari di viti e boschi di ulivi, c’è una fattoria senza padroni. E per raccontare la sua storia, partiremo dalla fine. Siamo a pochi chilometri da Firenze. Trovare la fattoria non è facile perché bisogna indovinare lo sterrato giusto, dopo aver navigato a vista su una matassa di stradine sali e scendi, badando di non farsi distrarre dallo splendore artistico della cupola del Brunelleschi, che appare e scompare in lontananza, marcando il cuore del capoluogo toscano, adagiato nella…

Read More
Il ruolo delle aziende israeliane nello sfruttamento delle risorse idriche palestinesi Euromediterraneo 

Il ruolo delle aziende israeliane nello sfruttamento delle risorse idriche palestinesi






 di Giovanni Fassina Con gli accordi di Oslo del 1994, Israele per la prima volta riconosceva formalmente il diritto dei palestinesi ad accedere alle fonti d’acqua presenti in Cisgiordania e nella striscia di Gaza. Tuttavia, dopo più di 20 anni, i palestinesi non possono ancora usufruire pienamente delle proprie risorse idriche a causa delle restrizioni imposte dall’occupazione israeliana. In Cisgiordania l’esercito israeliano continua a mantenere il controllo del 90% dei pozzi d’acqua ed utilizza queste sorgenti per soddisfare il proprio fabbisogno domestico e per rifornire le colonie. A Gaza gli…

Read More
Time War, in Siria Euromediterraneo 

Time War, in Siria






(di Marco Sandi)  Continua il massacro dei civili mentre le milizie islamiche, Assad e le potenze mondiali giocano a risiko. Ogni giorno, sempre di più, l’attenzione mondiale è catturata dai devastanti bombardamenti su Aleppo, a dirla tutta però è in corso un’altra offensiva, molto più nell’ombra, che potrebbe determinare ulteriori risvolti, e gravi conseguenze, nel conflitto siriano. Le Forze Armate turche (TSK) stanno spingendo i propri carri armati e le truppe di terra, mille delle quali appartenenti ai corpi speciali dell’esercito, verso l’interno della Siria, insieme ad alcune componenti delle…

Read More
La linea verde dietro il muro. Così Israele ruba l’acqua della Palestina Euromediterraneo 

La linea verde dietro il muro. Così Israele ruba l’acqua della Palestina






(di Riccardo Bottazzo. Pubblicato su FrontiereNews). Immaginate un extraterrestre. Immaginate che attraversi gli spazi siderali sulla sua lucente astronave per atterrare nella spianata del Tempio, scansando contraeree, missili e mitragliate varie da parte dell’esercito meglio armato del mondo. Immaginate che il nostro alieno esca dalla sua astronave e se ne vada a spasso per Gerusalemme chiedendo alla gente: “Scusate, come faccio a distinguere i palestinesi dagli israeliani, considerato che per me siete tutti terrestri: tutti ugualmente brutti, privi di antenne e tentacoli?” Ebbene, voi cosa rispondereste? Amira Hass, giornalista e scrittrice…

Read More
Raid aerei e bombe su Gaza: la Palestina resiste, noi con lei Euromediterraneo 

Raid aerei e bombe su Gaza: la Palestina resiste, noi con lei






di Jacopo Bernaus   «Prendi dei gattini, dei teneri micetti e mettili dentro una scatola, mi dice Jamal, chirurgo dell’ospedale Al Shifa, il principale di Gaza, mentre un infermiere pone per terra dinanzi a noi proprio un paio di scatoloni di cartone, coperti di chiazze di sangue. Sigilla la scatola, quindi con tutto il tuo peso e la tua forza saltaci sopra sino a quando senti scricchiolare gli ossicini, e l’ultimo miagolio soffocato.» Queste sono le parole del dottor Jamal rivolte a Vittorio Arrigoni nel periodo tra il dicembre del 2008 e il gennaio del…

Read More